Nome:
Località: Roma, Italy

Abito a Roma, lavoro troppo ma dico sempre che è meglio così; sono molto contento della mia vita e profondamente schifato da molto di ciò che vedo intorno a me.

mercoledì, dicembre 28, 2005

Libertà e conoscenza

Libertà e conoscenza sono strettamente connesse.
Nel momento in cui conosco completamente le variabili di una situazione, posso scegliere liberamente la soluzione che ritengo migliore.
In altri termini, se ho davanti due bicchieri di vino, ho la libertà di scegliere quello che preferisco soltanto se li conosco entrambi.
Se ne conosco solo uno, la scelta sarà dettata dalla mia voglia o meno di provare qualcosa di nuovo.
Se non ne conosco nessuno, la mia scelta sarà casuale.
Il problema è che, nella maggior parte delle circostanze, quando faccio una scelta non conosco tutti gli elementi del problema. Non solo, spesso le scelte si basao su credenze incomplete o sbagliate.
Quindi credo di essere libero, ma non lo sono.
E tutto ciò senza scomodare il subconscio, le spinte sociali, le emozioni.
La domanda è: come ci si difende?

2 Comments:

Anonymous Anonimo said...

ammiro il tuo blog...è polemico, come il mio!E' di qualcuno che ha la sensibilita' di rendersi conto di quello che sta succedendo intorno a noi...di quello che ci fanno mangiare, bere, respirare...Mi assale solo un atroce dilemma ogni volta che scrivo un post. Facciamo parte dei milioni di persone che si lamentano, si lamentano e..basta? Vorrei poter fare qualcosa di....CONCRETO...ma non saprei cosa.... Che frustrazione! Ti mando un abbraccio (ho lasciato anche un commentone al post della telecom..grrr!) a presto

http://blog.virgilio.it/cereal

(e anche qui...ogni due o tre il servizio Blog di virgilio non funziona..."ci scusiamo per i disagi"...ma cos'è che funziona in Italia mi domandoooooo! Ho un'idea: lanciamo un sondaggio, vediamo che succede. Elencate le cose che FUNZIONANO in Italia..ci sarà da ridere!)

10:01 AM  
Blogger matrix said...

Grazie cereal_cubic.

Cosa fare? Un paio di idee le avrei. Intanto, come insegna Gandhi, resistenza passiva: finchè si può, cercare di restare fuori da quello che non condividiamo. Poi ... Magari ci faccio un post.
Tra un pò metto sul tuo blog quello che secondo me in Italia funziona (anche se non sarà facile).

4:47 PM  

Posta un commento

<< Home